Blockchain: maggiore trasparenza per il consumatore.

Quanti di voi si sono mai chiesti se la dicitura made in italy, su un prodotto, comprendesse anche l'origine delle materie prime utilizzate?


Prendiamo in considerazione la pasta, prodotto made in italy per eccellenza! Un peccato però scoprire che la maggior parte della pasta commercializzata sia fatta da semole di origine sconosciuta!


Durante un project work ho elaborato un'idea che potrebbe eliminare queste barriere, in maniera semplice e veloce!

Obbiettivo primario è quello di assicurare e certificare ogni passaggio della filiera di produzione della semola, a partire dalla:

  • sementa utilizzata,
  • produzione e raccolta del grano duro,
  • stoccaggio della materia prima dopo la raccolta
  • molitura e conservazione
  • imballaggio
  • e per finire, commercializzazione della semola.

Tutto ciò per far si che venga commercializzato un prodotto che il consumatore potrà acquistare in maniera consapevole.


Tutti i dati (origine del prodotto, sede aziendale, certificazioni, analisi sul prodotto ecc..), saranno registrati volta per volta, e ad ogni passaggio, su una piattaforma, a cui vi accederanno esclusivamente gli addetti ai lavori.

Tali dati confluiranno, attraverso l’elaborazione di un algoritmo, su una scheda tecnica che potrà essere consultata dal consumatore al momento dell’acquisto semplicemente scansionando il QRcode presente sulla confezione del prodotto.


La tracciabilità del prodotto sarà assicurata!


La tecnologia è alla base della trasparenza!




Commenti Per commentare devi accedere a MatrixS

Potrebbero interessarti