Il Sarago Bio del Salento

Il Sarago Pizzuto Diplodus Puntazzo è una specie che da molti anni si tenta di allevare, purtroppo ha un fattore limitante: l'Enteromyxum leei una antipatica parassitosi che si manifesta in allevamenti con densità elevata. Questa specie mediterranea tuttavia ha molti punti interessanti, proprio perché mediterranea e quindi locale e non alloctona: inoltre è una specie carnivora ma non stretta come l'orata (si nutre dei piccoli organismi che vivono fra le alghe attaccate ai sassi: crostacei, anellini e molluschi, che stacca abilmente con i poderosi incisivi usati a mo’ di scalpello.Una dieta carnivora dunque, che integra con alghe appetitose). Con queste premesse questa specie si candida ad un tipo di allevamento semintensivo nei laghi salati del Salento (es. Alimini). Dalla letteratura scientifica e varie ricerche che ho consultato questo tipo di allevamento non solo è innocuo per l'ambiente (se adeguatamente gestito) ma diventa un occasione profittevole, difendendo così le zone umide dalle bonifiche.


Un altro punto interessante della mia idea è il metodo biologico (regolato dal reg. 178 del 2009) specifico per l'acquacoltura garantisce un integrazione dell'alimentazione (mangimi) dei capi con farine di pesce bio e vegetali bio.


Il ritorno economico di questa idea sarebbe quasi immediato, e si avrebbe un prodotto più simile al pescato che all'allevato. Se avete domande vi invito a scrivere un commento sarò felicissimo di darvi delucidazioni in merito.




Commenti Per commentare devi accedere a MatrixS

Potrebbero interessarti