Vesalio e la rivoluzione anatomica

Nel 1543 Vesalio pubblicava il De humani corporis fabrica, opera monumentale corredata di oltre 300 illustrazioni. L'iconografia realistica e dettagliata serviva, secondo Vesalio, a "mettere sotto gli occhi degli studiosi di Medicina il complesso dell'opera della Natura, come se ci si trovasse di fronte a un corpo sezionato"
La Fabrica è il manifesto che attesta il definitivo compimento della rivoluzione scientifica e didattica che Mondino aveva promosso con l'introduzione della dissezione pubblica.
L'impatto rivoluzionario della Fabrica va ben al di là dell'anatomia e delle scienze mediche. Insieme al De revolutionibus orbium caelestium di Copernico, peraltro uscito lo stesso anno, la Fabrica di Vesalio scardina definitivamente l'orizzonte conoscitivo del passato. Allo stesso tempo essa imprimerà uno slancio decisivo verso l'avvio della rivoluzione scientifica, in virtù della forza con cui afferma il primato dell'indagine empirica, nella consapevolezza e nella sintesi delle novità metodologiche, concettuali e degli approcci di ricerca variamente apportate dagli anatomisti italiani a partire dal 1300.

Commenti Per commentare devi accedere a MatrixS

Potrebbero interessarti